law concept The solicitor, the man in blue suit, giving his pen to his aider for having her sign on the official document.

Selezionare il giusto investimento immobiliare nella giusta posizione può creare o distruggere il tuo successo come investitore immobiliare. Quando si tratta di investire in immobili, la posizione è spesso considerata uno dei fattori più critici. Tuttavia, non è solo al “dove investire” il fattore a cui devi pensare, ma devi anche analizzare i dati finanziari della proprietà a livello individuale per garantire che questo specifico investimento abbia un flusso di cassa positivo, apprezzi il valore nel tempo e che soddisferà le tue esigenze e i tuoi obiettivi.

Ad esempio, se stai cercando di acquistare un affitto a breve termine, probabilmente avrai una serie di criteri completamente diversi rispetto alla ricerca di una proprietà commerciale o una proprietà residenziale a lungo termine. È anche importante fare la dovuta diligenza per garantire che la proprietà stessa sia solida e non necessiti di lavori importanti.

Ma vediamo dove conviene oggi investire nel mattone e i fattori a cui prestare attenzione.

Dove investire nel mattone nel 2023

La casa non è considerata dagli italiani semplicemente un posto in cui abitare, ma anche un vero e proprio investimento, anche detto asset. Per tale motivo è importante valutare numerosi aspetti quando si acquista una casa.

Valutare le migliori offerte luce e gas è un aspetto che dovresti considerare quando stai capendo dove investire nel mattone nel 2023. Ma questo è solo uno dei tanti fattori da prendere in considerazione.

Secondo uno studio condotto da Idealista, i comuni italiani in cui conviene acquistare casa e che, di conseguenza, sono i più redditizi, sono Taranto e Siracusa, che presentano un indice di rendimento pari all’11,6%.

A seguire troviamo: Biella (10,6%), Ragusa (9,7%) e Trapani (9%). Invece, i comuni con i rendimenti più bassi e in cui, quindi, non converrebbe investire, sono Siena (3,1%), Salerno (3,2%) e Venezia (4,1%).

Le città di Roma e Milano si fermano rispettivamente al 4,6% e al 5,6%.

Perché investire nel settore immobiliare nel 2023?

Il settore immobiliare è un investimento a lungo termine. È improbabile che tu veda importanti guadagni finanziari nottetempo. Tuttavia, come disse il famoso imprenditore Andrew Carnegie, “il novanta per cento di tutti i milionari diventa tale attraverso il possesso di proprietà immobiliari”, quindi è chiaro vederlo come una classe di attività.

Ma è una buona idea puntare sugli immobili nel 2023? Con tassi di interesse elevati, scorte basse e la minaccia costante di una recessione, è forte la tentazione di aspettare un momento migliore, un’opportunità migliore. La risposta comune a questo è che fintanto che tratti i tuoi investimenti come investimenti a lungo termine, che si tratti di azioni o immobili o qualcos’altro, “il tempo nel mercato ha quasi sempre la meglio sul tempismo del mercato”.

Quando si esplorano opportunità per un nuovo investimento immobiliare, è importante condurre ricerche approfondite sulle condizioni del mercato locale e sui fattori economici nelle aree di interesse. Alcuni fattori che possono influenzare l’opportunità e la redditività degli immobili in affitto includono:

  • Apprezzamento della proprietà: gli immobili aumentano di valore nella maggior parte delle località per un lungo periodo. Tuttavia, dove alcune località potrebbero raggiungere il 30%, altre raggiungeranno il 300%. Guarda le tendenze storiche e i fattori economici per determinare le migliori regioni ad alta crescita per il tuo prossimo investimento.
  • Crescita della popolazione: cerca aree con una popolazione in crescita, in quanto ciò può portare a un aumento della domanda di alloggi e potenzialmente a un reddito da locazione più elevato.
  • Mercato del lavoro: le aree con un forte mercato del lavoro e bassi tassi di disoccupazione possono attrarre più affittuari in grado di permettersi affitti più alti.
  • Domanda di affitto: considera la domanda di immobili in affitto nell’area, compreso il numero di posti vacanti e il tempo medio necessario per occuparli.